Come mangiare il sushi correttamente: 5 errori da non fare

Tovaglioli legati al collo, zuppe bevute rumorosamente, spaghetti mangiati con l’aiuto del cucchiaio o, peggio ancora, tagliati col coltello: al solo pensiero ti corre un brivido lungo la schiena? Ti sembrerà strano, ma un giapponese potrebbe provare lo stesso vedendoti mangiare il sushi.

Anche il sushi infatti ha le sue regole di bon ton: continua a leggere e scopri il galateo del sushi secondo Sushiko!

Il bon ton del sushi secondo Sushiko

Non importa se si tratta della tua prima volta o se la serata al ristorante giapponese è il tuo appuntamento settimanale: quando si tratta di sushi ci sono errori che tutti facciamo.

Prima lo accettiamo e prima possiamo iniziare a migliorare! Ma non c’è bisogno di preoccuparsi: mangiare il sushi nel modo corretto è semplice, basta sapere cosa NON fare!

Abbiamo preparato per te una piccola guida, da consultare ogni volta che vuoi: segui i nostri consigli e impara a mangiare il sushi con uno stile impeccabile!

1. Non strofinare le bacchette tra loro

Sei un sushi lover semplice: arriva il tuo piatto di sashimi, prendi le bacchette, le dividi e le passi una sull’altra per togliere eventuali schegge di legno. Ecco, il tuo primo errore.
Strofinare le bacchette tra loro è considerato un gesto poco educato, perché in pratica stai dicendo allo chef che il materiale è di bassa qualità.
Noi sappiamo che lo fai solo perché non vedi l’ora di buttarti a capofitto sul sashimi, ma meglio evitare brutte figure.

tipi di sushi con immagini

 

2. Non dividere il sushi a metà

Ti sfidiamo a tagliare un roll senza ritrovarti a rincorrere chicchi di riso per tutto il tavolo.
Il sushi (di tutti i tipi) va mangiato in un solo boccone: non solo in certi casi sarebbe impossibile fare altrimenti, ma dividere un pezzo di sushi è anche considerato poco educato. Ogni sushi è pensato dal sushiman per essere messo in bocca tutto in una sola volta e tu non vuoi offendere il sushiman, vero?

 

3. Soia: non affogare il sushi, non bagnare il riso, non mischiare il wasabi

La gestione dei condimenti è una questione piuttosto delicata. All’apparenza innocente, con quel suo sapore sapido e delicato al tempo stesso, la salsa di soia nasconde invece un sacco di insidie.

Non affogare il sushi nella salsa di soia

La prima cosa che ti devi ricordare, è che non stai mangiando i biscotti con il latte. Evita quindi di inzuppare il pezzo intero di sushi nella salsa di soia e riserva i doppi tuffi carpiati alle giornate in piscina.

Non bagnare il riso nella salsa di soia

A questo proposito, ecco il secondo errore dei fan della salsa di soia: intingere il sushi dalla parte sbagliata. È il pesce, infatti, che si deve insaporire.
La regola è la stessa che vale per i Gremlins: mai bagnare il riso. Se violi la regola, il pericolo non è tanto quello di trasformare il sushi nella sua versione cattiva, quanto di vederlo sfaldarsi e perderlo per sempre nella ciotola della soia. Il nostro consiglio? Tieni il riso all’asciutto.

 

Non mischiare il wasabi con la salsa di soia

Ultimo, ma non ultimo, la salsa di soia con il wasabi: è un’abitudine tanto diffusa, quanto sbagliata.
Il gusto del wasabi, forte e piccante, non si combina infatti a quello sapido della salsa di soia, anzi, si rovinano a vicenda.
Se per il tuo standard di piccantezza nel sushi non c’è abbastanza wasabi, prendi le bacchette e aggiungi un po’ di pasta verde sulla parte superiore del pesce, ma ricorda: il wasabi deve esaltare il gusto, non coprirlo!

 

4. Non infilzare il sushi

Infilzare le bacchette nel riso è di cattivo gusto, tanto quanto lo sarebbe infilzare con la propria forchetta i bocconi del piatto di portata. Anche peggio: in Giappone, infatti, una ciotola di riso con le bacchette conficcate è il piatto tipico che viene offerto ai defunti durante le cerimonie funebri.
Quindi, a meno che tu non stia rendendo omaggio alla dipartita della tua vita sociale in vista della sessione esami, nei momenti di pausa tra un piatto di hosomaki e uno di nigiri, appoggia le tue bacchette sull’apposito supporto: è lì apposta.

 

5. Non usare lo zenzero come condimento

Lo zenzero è quella presenza misteriosa che viene servita in fettine sottili insieme al sushi, ma cosa ci devi fare?
Devi metterlo sopra al nigiri per insaporirlo? Devi decorarci il piatto? Nulla di tutto ciò: lo zenzero serve a pulire la bocca da un tipo di sushi all’altro, per preparare il palato al prossimo gusto. E voilà, mistero risolto.

E dopo tutti questi “non”, ti sveliamo qualcosa che puoi fare al ristorante giapponese e che forse non ti aspetti: tenere i gomiti sul tavolo, mangiare il sushi con le mani (attenzione: mai il sashimi!) e bere la zuppa direttamente dalla ciotola facendo rumore!

 

E adesso?

Il nostro corso di bon ton del sushi è finito. Facevi qualcuno di questi errori senza saperlo o hai scoperto di avere un’attitudine naturale nel mangiare il sushi con un certo stile?
In ogni caso, ricorda: il modo più corretto di mangiare il sushi è goderselo!
Prenota un tavolo da Sushiko e metti alla prova le tue nuove conoscenze di etichetta giapponese!

Indirizzo:

Via Giacomo Leopardi 3/B – Zanè (VI), Italia

Contatti:

Telefono: +39.0445.367720

Orari:

Lun – Dom
12.00 – 15.00
19.00 – 23.00

prezzo sushisushi prima volta